Scalping Trading, tutto quello che devi sapere

Trading

Il trading online è uno degli strumenti maggiormente utilizzato oggi per giocare in borsa direttamente da casa con il proprio computer. La maggior parte degli operatori adotta una strategia di day trader, cioè tutte le posizioni aperte vengono chiuse nell’arco di una giornata. Tra le strategie di day trading una delle più utilizzate è lo scalping, ecco tutto quello che devi sapere.

Cos’è lo scalping trading

La prima cosa da capire è cos’è lo scalping trading. Si tratta di una strategia che consiste nell’investire online aprendo e chiudendo posizioni in pochi secondi, massimo entro l’arco di un minuto, naturalmente nessuno obbliga a chiudere, la scelta finale è sempre del trader. Questa breve descrizione aiuta a capire come funziona, ma in realtà dice poco.

Lo scalping è trasversale nel senso che è molto amato sia da coloro che non amano fare analisi di mercato, sia da coloro che pur avendo una buona conoscenza del settore in cui operano, amano il rischio e vogliono aprire e chiudere posizioni in breve tempo avendo sempre liquidità disponibile per nuovi investimenti. Questa strategia di investimento parte dal presupposto che qualunque sia l’andamento del mercato di riferimento, ad esempio forex, CFD nel campo azionario, vi sono delle oscillazioni di senso contrario e quindi è possibile fare dei guadagni anche senza analisi di mercato.

Quando si fa scalping è molto importante avere un elevato livello di concentrazione in modo da chiudere le posizioni quando sono attive. Essenziale in questa strategia è anche l’adozione di una piattaforma di trading evoluta e quindi che consenta di chiudere le posizioni immediatamente al momento dell’ordine da parte del trader perché anche un millesimo di secondo tra il momento dell’invio dell’ordine di chiusura della posizione e la chiusura effettiva, potrebbe pregiudicare la riuscita dell’investimento.

Chi è lo scalper e quali sono i rischi di questa strategia

Lo scalper è un investitore che solitamente in una sessione di trading esegue moltissime operazioni, questo vuol dire che sulla singola operazione investe poco e preferisce guadagnare poco sui singoli investimenti per avere un risultato totale che sia comunque attivo e considerevole. Il vantaggio di questo tipo di operazione è dato dal fatto che l’investitore, ben concentrato e che riesce a chiudere le posizioni in attivo, ha sempre del capitale liquido da investire quindi nell’arco di una sessione, seppure breve, riesce più volte ad investire lo stesso capitale e farlo fruttare in modo esponenziale.

Ciò implica che, pur avendo poco denaro a disposizione, riesce ad adottare la tecnica della diversificazione degli investimenti, considerata la più sicura per avere dei riscontri economici ed avere sotto controllo le perdite. Naturalmente la descrizione dello scalping deve essere presa con le pinze perché non è così semplice riuscire ad avere guadagni e chiudere la posizione nel momento in cui si sono presenti dei potenziali guadagni perché le oscillazioni dei prezzi di mercato sono davvero brevissime e quindi tra il momento in cui si decide di agire e l’azione stessa può passare quella frazione di secondo che cambia le sorti.

A ciò deve aggiungersi che tutti i broker applicano la leva finanziaria e questa può costituire un rischio di perdita del capitale. Ad esempio se la leva finanziaria fosse 1:10, investendo un euro si avrebbero risultati come se fossero stati investiti 10 euro. Questo meccanismo opera sia nel caso in cui la chiusura delle operazioni è in positivo, sia nel caso in cui è in negativo e quindi può generare perdite.

Come investire e fare Trading sul DAX / NXT

Trading

Come investire e fare Trading sul DAX / NXT

Fare trading on-line è una delle maggiori forme di investimento in uso tra chi cerca ottimi ricavi ed il DAX è considerato uno dei migliori indici dove investire.

Cos’è il DAX

Con questa sigla ci si riferisce all’indice calcolato sulla capitalizzazione delle maggiori società tedesche sulla Borsa di Francoforte e nello specifico tenendo conto del volume di ordini e capitali.

Sebbene l’indice DAX sia in parte collegato con la borsa tedesca subisce variazione in particolare a causa di fattori esterni come le esportazioni.

Nonostante ciò quando si intende fare trading on-line sul DAX si deve far riferimento o all’indice delle prestazioni o a quello dei prezzi. La differenza è che quest’ultimo si calcola solo sul costo finale come avviene in altre formule di trading, mentre quello delle prestazioni tiene conto del rendimento totale di quelle società.

Ciò comporta forti oscillazioni, che si traducono in un investimento veloce e dinamico, che si può gestire tanto nel lungo periodo, quanto nel breve.

Naturalmente i rischi saranno differenti, ma in entrambi i casi la massimizzazione dell’investimento iniziale comporta ottimi guadagni.

Strategie di trading sul DAX

Strategie di trading sul DAX

Gli esperti e i broker hanno osservato che quando si tende a un investimento a lungo termine, è preferibile osservare le potenzialità dell’indice e non lasciarsi spaventare dalla perdita di valore poiché questa subisce in diversi anni cifre fortemente contrastanti, che si traducono però in una buona occasione di investimento.

Chi decide di investire nel breve periodo registra migliori ricavi, specie se si impostano stop loss o si sfruttano gli ordini di profitto. In questo contesto sembra logico puntare più sull’indice dei prezzi, ma il DAX permette numerose operazioni molto interessanti.

Un fattore di successo è determinato dalle analisi da effettuare per potere ipotizzare quale sia l’investimento migliore. Alcuni preferiscono concentrarsi sull’andamento dei prezzi, ma la strategia migliore è quella di cercare di ottenere la maggior parte dei dati disponibili sul mercato per effettuare le dovute valutazioni. Ciò comporta utili societari ed eventuali fattori geopolitici, economici e sociali, che coinvolgono le economie dove le società sono collegate in maniera diretta o indiretta.

L’insieme dei dati macroeconomici e la conoscenza delle principali tecniche di trading on-line sono i fattori di successo per ottenere il massimo dei ricavi.

Ci sono numerose piattaforme che permettono di investire e fare Trading sul DAX in diverse forme.

Infatti è possibile sia effettuare l’investimento in maniera automatica, sia affidarsi a professionisti seri e qualificati.

Questa è la formula consigliata ai principianti, che in questo modo possono vedere come si opera sul DAX. Nonostante ciò è possibile investire anche piccole somme per fare esperienza ed ottenere fin da subito dei ricavi. La formula più semplice e funzionale è quella di puntare sui contratti per differenza, che sono prodotti derivati ed hanno una leva finanziaria. Per questi motivi si può investire long o short, o impostare in maniera automatica i prodotti dove si intende effettuare l’investimento.

Post successivo

I Mercati Finanziari Italiani e il trading online

I Mercati Finanziari Italiani e il trading online

Trading

I Mercati Finanziari Italiani e il trading online

Grazie all’uscita dalla crisi e alle sue caratteristiche peculiari, il mercato italiano ha ben resistito negli anni alle varie fluttuazioni e le imprese quotate in borsa stanno registrando un buon andamento.

Il trading sui mercati finanziari italiani

In questo contesto fare trading on-line sui mercati finanziari italiani permette di ottenere buoni ricavi, specie se si intende investire sul mercato azionario.

Rispetto ad altre economie come quella statunitense dove sono presenti grandi compagnie quotate in borsa, l’indice di Milano è caratterizzato da imprese di medie dimensioni, molte delle quali a partecipazione pubblica. Azioni come quelle dell’Enel, Eni, Poste Italiane rappresentano una buona occasione per investire in borsa. 

Per quel che concerne il mercato delle valute, l’Euro è considerata una moneta sostanzialmente stabile, che non subisce forti fluttuazioni ed è ritenuta molto competitiva.

Nonostante ciò è possibile investire su altre valute, scommettendo proprio sulla stabilità dell’Euro e sulle fluttuazioni delle altre economie.

Come fare trading on-line in Italia

Come fare trading on-line in Italia

Ci sono comunque numerosi strumenti finanziari che permettono di fare trading online in Italia.

Le più comuni forme sono il Forex, le criptovalute e gli indici. 

La prima sigla fa riferimento al mercato delle valute, il mercato più dinamico ed attivo a livello globale.

Attraverso il Forex si possono acquistare o vendere valute, presumendo quale sarà il loro valore ed investendo di conseguenza.

Lo sviluppo di Internet e la sua diffusione sono stati i fattori decisivi per l’incremento del volume di affari ed il web è diventato il luogo per eccellenza dove investire in borsa o in altri strumenti finanziari.

Il ruolo predominante della rete ha comportato anche la possibilità di ottenere ricavi facendo trading con le criptovalute come i bitcoin.

Questa nuova moneta tecnologica ha letteralmente rivoluzionato il mercato del trading on-line, e sebbene sia un investimento a forte rischio sono in molti coloro che hanno ottenuto ottimi ricavi dai loro investimenti.

Un’altra forma di trading on-line molto apprezzata sono gli indici, ovvero investimenti su mercati finanziari dove si acquistano e vendono contratti di differenza, e dove si punta sulla probabile differenza di prezzo di una società o di un bene in un determinato periodo.

L’economia italiana subisce numerose oscillazioni a causa dell’andamento dei prezzi delle materie prime, in particolare per quel che concerne quelle energetiche.

Una forma abbastanza sicura di investimento è quella di fare trading proprio su questi prodotti. Il funzionamento è lo stesso di quanto accade con gli indici ovvero si punta sulla differenza di prezzo su un determinato periodo. 

Queste forme di investimento possono essere effettuate attraverso diversi metodi, ma la formula più comune è quella di registrarsi ad una delle piattaforme autorizzate presenti sul web.

In questa maniera inserendo i propri dati ed effettuando un deposito iniziale si può fin da subito iniziare a fare trading. Queste società possono operare in Italia e sono controllate e registrate per poter effettuare transazioni.